Aspettando la Notte 2017

La Notte Europea dei Ricercatori arriva a settembre, ma intanto perché non godersi anche gli appuntamenti #AspettandoLaNotte del progetto SOCIETY?

Prossimi appuntamenti

29 agosto 2017 – ore 18:00
Bologna, Velostazione Dynamo, Via Indipendenza 71/Z
I ricercatori fanno surf
Progettare una tavola da surf con i supercomputer lungo il Reno
Dare forma alle tavole da surf è un’arte custodita e tramandata dai migliori “shaper” al mondo. Oggi scienza e supercalcolo aiutano a regalare ai surfer emozioni più intense quando cavalcano le onde.
Riccardo Rossi di RED Fluid Dynamics, startup che si occupa di calcolo industriale, e Ivan Spisso di
CINECA racconteranno come si progetta una surfboard con i bit.
5 settembre 2017 – ore 18:00
Bologna, Velostazione Dynamo, Via Indipendenza 71/Z
Si vede o non si vede?
La materia oscura: nel cosmo e in laboratorio
È passato oltre mezzo secolo dalla sua scoperta e oggi sappiamo che costituisce l’85% della materia dell’Universo. Eppure la Materia Oscura resta uno dei misteri scientifici più dibattuti e interessanti dell’astrofisica e della fisica. Ma cosa è esattamente? Dove si trova? E, soprattutto, come si può dire che c’è… se non possiamo vederla?
Aperitivo scientifico con Nicolò Masi (Università di Bologna e INFN Bologna) e Mauro Roncarelli
(Università di Bologna e INAF Bologna)
12 settembre 2017 – ore 18:00
Bologna, Velostazione Dynamo, Via Indipendenza 71/Z
L’hanno detto in tv, me l’ha detto un amico, l’ho letto su internet
L’approccio scientifico per districarsi nel rutilante mondo del sentito dire.
La conoscenza si basa spesso sul sentito dire. Nessuno ha la possibilità di verificare ogni tipo di informazioni, né la competenza per entrare nel dettaglio degli argomenti. Diventa allora fondamentale capire quali sono le fonti su cui possiamo fare affidamento per gestire l’enorme quantità di informazioni errate, che oggi si trasmettono sempre più velocemente anche grazie alla rete.
Aperitivo scientifico con Stefano Marcellini (INFN), Marco Ciardi (UNIBO), Ornella Russo (CNR)
19 settembre 2017 – ore 18:00
Bologna, Velostazione Dynamo, Via Indipendenza 71/Z
Aperitivo scientifico
Dalla plastica al grafene, le meraviglie dei nano-materiali
Vincenzo Palermo, ricercatore del CNR-ISOF e scrittore, ci racconta la storia e le nuove applicazioni
del grafene, il materiale più sottile del mondo, spesso un solo atomo. Dalle automobili agli aeroplani, dai computer alle telecamere, sino ad arrivare alle applicazioni biomediche ed ambientali, il grafene promette di cambiare la nostra vita, e vari prodotti a base di grafene sono già disponibili in commercio.
Vincenzo Palermo è vice-direttore del progetto “Graphene Flagship”, uno dei più ambiziosi progetti
di ricerca mai lanciati dalla Comunità Europea, che coinvolge circa 150 gruppi di ricerca e
moltissime industrie in tutta Europa.


Appuntamenti passati

23 Giugno  2017 –  ore 18:00
Ravenna, Laboratorio di Antropologia fisica, Dipartimento di Beni culturali, via degli Ariani 1
Incontro 
L’uomo Paleolitico del Villabruna
Stefano Benazzi (Dipartimento di Beni Culturali, UNIBO) e Marco Peresani (Dipartimento di Studi Umanistici, UNIFE) parleranno delle ricerche archeologiche e antropologiche che hanno caratterizzato il rinvenimento e lo studio dei resti scheletrici dell’uomo del Villabruna. Lo scheletro appartiene a un individuo del Paleolitico superiore finale datato a 14,000 anni e scoperto nel 1988, presso il Riparo Villabruna (Dolomiti Venete – Nord Italia) dal team dell’Università di Ferrara su cui è stato attestato la più antica evidenza archeologica di intervento dentale per trattare le lesioni cariose. L’incontro sarà l’occasione per raccontare le ricerche e presentare il periodo culturale in cui si inserisce la sepoltura, il sito archeologico e una ricostruzione del profilo biologico dell’individuo basata sui resti scheletrici.
Gradita prenotazione a: urpravenna@unibo.it
22 Giugno  2017 –  ore 09:30
Rimini, Aula Magna del campus di Rimini,  via Angherà 22
I Giovedì del QuVi 
Le malattie dei grandi del passato: una lezione per la medicina del futuro
Nell’ultimo appuntamento prima della pausa estiva con “I Giovedì del QuVi”, si parlerà delle malattie dei grandi personaggi del passato: da Giovanni Boccaccio a Giulio Cesare, da Madame Tussaud a Sigismondo Pandolfo Malatesta, del quale si celebra il seicentesimo compleanno proprio in questi giorni. E se ne parlerà con un ospite d’eccezione: il paleopatologo Francesco Maria Galassi, originario di Santarcangelo di Romagna (RN), attualmente ricercatore all’Istituto di Medicina Evolutiva dell’Università di Zurigo.
Francesco Maria Galassi è stato recentemente inserito dalla rivista Forbes nella lista dei 30 talenti under 30 che cambieranno il futuro dell’Europa.
Galassi dialogherà con Mirella Falconi, Professoressa del Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna.
14 Giugno  2017 –  ore 21:00
Forlì, Jump Cafè 
Caffè scientifico 
La Terra dall’Alto è più Bella
Un appuntamento per scoprire le applicazioni dei velivoli pilotati da remoto, i droni. Fabrizio Giulietti, docente di Meccanica del Volo del Corso di Studi in Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Bologna e protagonista dell’incontro, racconterà le principali esperienze di ricerca e documentazione aerea tramite droni: dalla fotografia di scavi archeologici all’agricoltura di precisione, passando per la protezione ambientale attraverso immagini termografiche. L’evento è organizzato dal Campus di Forlì in collaborazione con Radio Jump.
9 Giugno  2017 –  ore 17:00
Ravenna, Antico Porto romano – Port’Aurea
Una pedalata alla scoperta di luoghi insoliti della città
Le acque romane
La Scuola Superiore di Studi sulla Città e il territorio e il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna con la Fondazione Parco Archeologico di Classe-Ravennantica, la Fondazione Flaminia e Trail Romagna organizzano una pedalata con partenza alle ore 17.00 dall’Antico porto romano di Ravenna – Port’Aurea e arrivo presso l’Antico porto di Classe – Museo di Classe.
26 Maggio 2017 – dalle ore 19:30
Cesena, Foro annonario, Piazza del Popolo
Fuori dalle cantine
12 cantine provenienti da tutta l’Emilia Romagna offriranno alcune scelte dei propri vini migliori. Docenti del “Campus di Scienze degli Alimenti” forniranno un contributo personale a chiunque desideri fare una degustazione guidata.
25 Maggio 2017 –  ore 17:00
Rimini, Aula Briolini 1 – Palazzo Ruffi, Corso d’Augusto 237
I giovedì del QuVi
Disturbi del Comportamento Alimentare: La Chimica delle Metafore. Incontro tra poesia e scienza
Un dialogo su un tema delicato e di scottante attualità, soprattutto fra giovani e giovanissimi, ovvero i disturbi del comportamento alimentare (DCA), con tre ospiti provenienti da mondi apparentemente lontani: una scienziata, Valeria Righi, ricercatrice confermata in Biochimica del Dipartimento QuVi; una poetessa, la riminese Isabella Leardini, e una giovane food blogger e fotografa, Valentina Solfrini.
24 Maggio 2017 –  ore 18:00
Ravenna, Darsena PopUp, Via dell’Almagià
Evento
Immagini e sapori del mare. Verso un uso consapevole delle risorse
Una serata di incontro e confronto sul tema del mare, delle sue risorse e sul loro consumo sostenibile presentato dai ricercatori del Gruppo di Ecologia del corso di laurea in Biologia Marina del Campus di Ravenna.
19 Maggio 2017 –  ore 14:30-17
Ravenna, Aula 4, Palazzo Corradini, via Mariani 5
Seminario e incontro con operatori del settore
Non solo vittime, non solo corpi.
Parole, storie e sguardi per ripensare l’accoglienza dei minori migranti
Quali sono i motivi che spingono un numero sempre crescente di minori a intraprendere i pericolosissimi e incerti viaggi che (auspicabilmente) li porteranno in Europa? Quali sono le loro aspirazioni e le loro idee di futuro? I sistemi nazionali sono attrezzati per comprendere le storie di queste ragazze e di questi ragazzi e per rispondere alle loro necessità? A queste e altre domande proveranno a rispondere gli esperti internazionali e nazionali che interverranno il 19 maggio 2017 al seminario su Non solo vittime, non solo corpi. Parole, storie e sguardi per ripensare l’accoglienza dei minori migranti.
Il seminario è organizzato da Annalisa Furia dell’Università di Bologna, in collaborazione con il Festival delle Culture di Ravenna.
18 Maggio 2017 – ore 17:00-19:00
Rimini, Aula Briolini 1 – Palazzo Ruffi, Corso d’Augusto 237
Arte e media: superamento del limite per lo sviluppo della qualità della vita
I Giovedì del QuVi
Il quarto appuntamento con “I giovedì del QuVi”, il ciclo di conferenze con cui il Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita si racconta alla città, vedrà due artisti confrontarsi con uno dei focus strategici della ricerca di Dipartimento: il corpo. Corpo inteso come veicolo di simboli, incrocio di relazioni, ma anche come prigione soffocante, gabbia da cui fuggire, materia inerte di cui disfarsi per liberare la propria anima. Nasce così Arte e media: superamento del limite per lo sviluppo della Qualità della Vita, un momento di riflessione voluto dalla Dr.ssa Daniela Calanca, ricercatrice confermata in Storia Contemporanea presso il Dipartimento QuVi. La Dr.ssa Calanca introdurrà l’evento e dialogherà con i due ospiti della serata: Antonietta Laterza,cantautrice e performer diversamente abile, presidente dell’associazione “Sirena Project” e autrice del libro autobiografico Sirena Cyborg, e Alfonso Maffini, artista, scrittore, docente, autore del saggio “Corpi imprigionati, oltre la vita l’arte”
18 Maggio 2017 – ore 21:00
Bologna, Laboratorio di San Filippo Neri, Via Manzoni, 5
Il cratere di Panarea: un viaggio nel mare del futuro – La ricerca in scena
Conferenza spettacolo
Quale sarà il destino dei nostri mari? Un’immersione virtuale nel cratere vulcanico sottomarino di Panarea rivela il destino dei nostri mari alla fine del secolo. Il cratere ha caratteristiche geofisiche uniche al mondo, con una continua emissione a temperatura ambiente di anidride carbonica, il principale gas serra responsabile del surriscaldamento e dell’acidificazione del mare: questo laboratorio naturale consente di osservare già oggi questi effetti, ricreando le condizioni previste dai climatologi più autorevoli. Un vero e proprio viaggio nel blu, in cui il pubblico entrerà in contatto con diversi aspetti della ricerca scientifica, partendo dal lavoro in campo fino all’interpretazione dei risultati ottenuti.
Con i ricercatori Stefano Goffredo, Valentina Airi, Erik Caroselli, Patrizia Neri. Con la partecipazione di Chiara Marchini, Fiorella Prada – Marine Science Group | Università di Bologna e la collaborazione di Scientific Diving School
11 Maggio 2017 – ore 14:00-17:00 
RavennaAula Magna di Giurisprudenza, via Oberdan 1
Proiezione del film “L’onda” di Dennis Gansel
Seguiranno dibattito e confronto sulle tematiche affrontate nella pellicola. A condurre la discussione saranno: Silvia Vida, Professore associato di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Bologna, e Simona Tarozzi, ricercatrice di Diritto romano e Diritti dell’antichità presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Bologna.

 

11 Maggio 2017 – ore 21:00
Bologna, Laboratorio di San Filippo Neri, Via Manzoni, 5
Raccontare la città da Marzabotto a Pompei – La ricerca in scena
Incontro
Alcune città antiche non sono sopravvissute sino a noi e anzi sono state sepolte. Da molti anni gli Archeologi dell’Università di Bologna sono impegnati sul campo in tanti siti del mondo per riportare in luce le storie delle città abbandonate e dei loro abitanti. Quali storie narrano Marzabotto e Pompei? La prima è una città nata con un complesso rituale di fondazione, tipico della disciplina etrusca ma che è alla base della genesi di tante città antiche e della stessa Roma. L’altra venne abbandonata repentinamente a causa di una improvvisa calamità naturale. In entrambi i casi l’archeologia, il racconto degli antichi e il supporto delle nuove tecnologie possono aiutarci a ricostruirne la storia.
Con i ricercatori Giuseppe Sassatelli, Andrea Gaucci, Enrico Giorgi e la collaborazione di Simone Garagnani e Michele Silani dell’Università di Bologna
29 Aprile 2017 – ore 8:30-12:30
RavennaMAR e Planetario
A scuola di scienza con DIGITA
Laboratori didattici per la promozione della cultura scientifica e digitale
DIGITA, evento curato dal collettivo Micromondi, prevede una serie di laboratori che spazieranno dalle scienze di base come la matematica, alla chimica, alla dispersione energetica fino alla fauna marina; tutti temi che verranno trattati in modo dinamico, originale e innovativo.
I laboratori per gli studenti delle scuole medie e superiori sono organizzati da alcune realtà scientifiche operanti nella città e nella provincia di Ravenna, grazie alla collaborazione dell’istituzione del Mar – Museo d’Arte della città di Ravenna e Comune di Ravenna, con i laboratori pensati e realizzati da scuole e aziende del territorio come Alma Mater Studiorum – Università di Bologna– Biologia Marina, l’ITIS, l’Associazione Ravennate Astrofili, Certimac, ARPAE e Coder Dojo Ravenna.
27 Aprile 2017 – ore 9:30-12:30
RiminiAula Briolini 1 – Palazzo Ruffi, Corso d’Augusto 237
Attività fisica come farmaco: prevenzione e supporto nella cura dei tumori
I Giovedì del QuVi
Siamo nati per muoverci, non per crogiolarci sul divano, imbambolati davanti allo schermo di una TV o di uno smartphone. Il movimento è connaturato all’organismo umano. Una regolare attività fisica, anche di intensità moderata, contribuisce a migliorare ogni aspetto della qualità della vita. Il grado di efficienza fisica e, parallelamente, lo stato di salute complessivo di un individuo sono strettamente legati alla quantità e alla qualità del movimento. Di attività fisica – e della sua importanza nella prevenzione e nella cura dei tumori – si parlerà durante la conferenza curata dal Prof. Pasqualino Maietta Latessa, Professore Associato di Metodi e Didattiche delle Attività Motorie dell’Università di Bologna. L’evento fa parte della rassegna “I Giovedì del QuVi”, un ciclo di conferenze finalizzate alla divulgazione dei risultati della ricerca scientifica svolta nell’ambito del Dipartimento.
21 Aprile 2017 
Bologna, Liceo Sabin, ITI Aldini Valeriani Sirani, Istituto Salesiano, Liceo Arcangeli
La Giornata del clima – Come salvare la Terra con scienza e ricerca
Mobilità elettrica e solare, urbanistiche innovative, tecnologie verdi d’avanguardia, economie più gentili con l’ambiente.
Sono innumerevoli i fronti della ricerca scientifica che stanno affrontando la sfida del nostro secolo: il riscaldamento globale. Alcuni di essi saranno i protagonisti della Giornata del clima, evento giunto quest’anno alla sua quinta edizione, realizzato dal Comune di Bologna in collaborazione con Alma Mater- Università di Bologna, per portare gli scienziati che combattono il cambiamento climatico direttamente a contatto con gli studenti di Bologna. Per far loro capire che l’ambiente si rispetta con scienza e consapevolezza.
La Giornata – organizzata dallo ShowRoom Energia e Ambiente, il centro del Comune di Bologna dedicato alla didattica ambientale su energia e rifiuti – nasce per fornire ai cittadini, fin dalle scuole, gli strumenti per capire come affrontare il riscaldamento globale.
L’evento, che fa parte delle iniziative “Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori” del 2017, si snoda in alcune scuole superiori bolognesi (Liceo Sabin, ITI Aldini Valeriani Sirani, Istituto Salesiano, Liceo Arcangeli) dove gli scienziati bolognesi presenteranno in maniera informale le loro linee di ricerca.
23 Marzo 2017 – ore 17.00
Rimini, Aula Briolini 1- Palazzo Ruffi, Corso d’Augusto 237
Inventare farmaci con il supercomputer!
I Giovedì del QuVi
Si apre la rassegna “I Giovedì del QuVi”, ciclo di conferenze organizzate dal Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita dell’Università di Bologna.
Raffaella Casadei, ricercatrice del Dipartimento, introduce il chimico riminese Marco De Vivo, responsabile del laboratorio di Molecular Modeling & Drug Discovery presso l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova. De Vivo, che ha all’attivo circa quaranta pubblicazioni su riviste internazionali e una decina di brevetti su composti chimici utili per curare malattie come cancro, infezioni batteriche e malattie neurodegenerative, parlerà di come si progetta e si sviluppa un farmaco attraverso l’uso di supercomputer.

 

16 Marzo 2017 – ore 21.00
Bologna, Laboratorio di San Filippo Neri, Via Manzoni, 5
La storia della Terra a colori – La ricerca in scena
Conferenza spettacolo
Vi siete mai fatti delle domande sul nostro pianeta? Vi siete mai chiesti che età ha la Terra, quando è nata, se è sempre rimasta uguale? Sarà ingrassata o dimagrita? Sarà invecchiata? Ma soprattutto ha sempre avuto lo stesso colore? Rosso come l’oceano di magma dell’inizio, il nero e il grigio delle prime rocce, il blu degli oceani e dell’ossigeno e il verde dello sviluppo della vita. E oggi come appare la Terra? Oggi la Terra appare come un pianeta “marmorizzato” (una Marble Bar!). Tuttavia, esistono ancora oggi luoghi sulla Terra che mostrano come era la Terra primitiva. E sono i luoghi fra i più colorati esistenti al mondo.
La ricercatrice Barbara Cavalazzi del Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Alma Mater, racconterà la storia della Terra in fasi di colori partendo dalla casualità degli eventi geologici che attraverso la determinazione biologica ha portato allo sviluppo del nostro pianeta.