Maura Sandri

Maura Sandri

maura_sandriNome: Maura Sandri, tecnologo presso l’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Bologna (IASF-BO), dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

Profilo: mi sono laureata all’Università di Bologna in Astronomia nel 1999 e ho conseguito il dottorato in Astronomia all’Università di Padova nel 2005. Mi occupo della progettazione e caratterizzazione di ottiche per la radioastronomia, l’astronomia millimetrica e alle microonde. In particolare, ha lavorato alla progettazione e test delle antenne dello strumento a bassa di frequenza (Low Frequency Instrument, LFI) a bordo del satellite Planck dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), nonché alla caratterizzazione dell’ottica di Planck, a terra e in volo.
Il satellite Planck (2009-2013) ha permesso di creare mappe delle anisotropie del fondo cosmico a microonde (CMB), con una sensibilità ed una risoluzione angolare senza precedenti, rendendo disponibili agli scienziati di tutto il mondo una miniera d’oro di dati scientifici con i quali si sono scoperte, e si stanno scoprendo tuttora, importanti informazioni sull’origine e l’evoluzione dell’Universo e sulle sorgenti astrofisiche che lo popolano, tra cui la nostra Galassia.
Sono responsabile della parte ottica dello strumento LFI e dell’analisi degli effetti sistematici legati all’ottica di Planck, sono coinvolta nello studio delle ottiche delle future missioni di fondo cosmico a microonde, lavoro alla progettazione dell’ottica di STRIP/LSPE e iALMA.
Inoltre, mi occupo di divulgazione della cultura scientifica (in particolare, di astronomia) nelle scuole del primo e secondo ciclo di istruzione.